logotype
image1 image1 image1

La Fondazione Giorgio Gaber nasce nel 2006, proseguendo nell'attivita' svolta dall'omonima Associazione Culturale costituitasi all'indomani della scomparsa dell'artista. Gli obiettivi principali della Fondazione sono la divulgazione e la valorizzazione della figura e dell'opera dell'artista rivolta in particolare alle fasce di pubblico piu' giovane.

Le Palline (prosa)

 

Testo Le Palline (prosa) - 1973/1974

 

Una pallina bianca, è uguale, a una pallina bianca. una pallina bianca, è, diversa, da una pallina nera, e nessuna delle due palline si è offesa.
Strano, l’uomo che ha il senso della giustizia, tende all’uguaglianza, anzi, ha fatto un sacco di cose curiose in nome dell’uguaglianza. Per l’uomo l’uguaglianza è addirittura una malattia. 
Noi tutti diciamo, un bianco è uguale a un negro. Forse il negro è un po' più marroncino, oddio, non sarò mica razzista eh? Devo stare attento, si bè, meglio dire che un bianco, abbronzato, è uguale a un negro. Pallido.
La parola diverso non la si può proprio usare, tranne che per le palline. Fa paura, ripugna il nostro senso di giustizia, che ci porta ad altre conclusioni perfettamente logiche.
Per esempio, l’uomo è uguale alla donna, uguale uguale uguale, uguale. Certo, non si può mica essere razzisti, la parola diverso non la si può proprio usare, tranne che per le palline, è ideologicamente scorretta, ed è encomiabile questo sforzo, pazzesco, di parlare sempre di uguaglianza, ma talmente encomiabile che perdona a volte, una certa trascuratezza del dato biologico. Certo, l’uomo è proprio uguale alla donna, tranne che per le palline.
Basta basta, bisogna avere il coraggio di dire che un bianco, è diverso da un negro. Che un uomo, è diverso da una donna. Che, uno svedese, è diverso da un siciliano. Gli unici simpatici in questo senso, sono i tedeschi, a loro il concetto di uguaglianza non li ha mai sfiorati. Per loro è sempre stato chiarissimo che gli altri sono diversi.
Si va bè, ma a parte i tedeschi, che effettivamente, sono un po' esageratini, anche noi, anche noi, appena usiamo la parola, diverso, subito, ta... ta... ta...Ma io dico, non si potrebbe essere, diversi, così, su un piano, tutta una base. L’ho chiesto al governo. Telefona al tuo governo, e io, pronto, scusi non si potrebbe…così sarebbe la sciagura di non avere buoni capi che ci guidano democraticamente. Ahimè, ho proprio paura che moriremo con l’incubo del leader, del genio. A meno che…

 

Dall'album Far Finta Di Essere Sani - tracce:

 

Far Finta Di Essere Sani 1973/1974 

PRIMO TEMPO

  1. Introduzione
  2. Far Finta Di Essere Sani
  3. La Natura
  4. Cerco Un Gesto Naturale
  5. La Famiglia (prosa)
  6. La Comune
  7. Algebra
  8. Lo Shampoo
  9. Le Palline (prosa)
  10. Il Dente Della Conoscenza
  11. L'impotenza
  12. E' Sabato
  13. Il Narciso
  14. La Dentiera
  15. Dall'Altra Parte del Cancello

 

SECONDO TEMPO

  1. Le Marcie Dei Colitici
  2. Le Caselle (prosa)
  3. Un'Emozione
  4. Un'Idea (1973/1974)
  5. Oh Mama!
  6. L'Elastico
  7. Gli Omini (prosa)
  8. La Presa Del Potere (1973/1974)
  9. Quello Che Perde i Pezzi
  10. E Giuseppe? (prosa)
  11. Chiedo Scusa Se Parlo Di Maria
  12. Il Muro (prosa)
  13. La Libertà
  14. La Nave
  15. Finale (prosa)
  16. Al Bar Casablanca (bis)

 

Joomla SEF URLs by Artio

CONTATTI:

Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano (mappa)

Tel: 02 202334

Email: info@giorgiogaber.it

LINKS:

You Tube Facebook

My Space Twitter

SEZIONI:

Harari

Copyright 2015 - Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano

Sviluppo web - sviluppo sito web

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta