logotype
image1 image1 image1

La Fondazione Giorgio Gaber nasce nel 2006, proseguendo nell'attivita' svolta dall'omonima Associazione Culturale costituitasi all'indomani della scomparsa dell'artista. Gli obiettivi principali della Fondazione sono la divulgazione e la valorizzazione della figura e dell'opera dell'artista rivolta in particolare alle fasce di pubblico piu' giovane.

La Comune

 

Testo La Comune - 1973/1974

 

Da una vita ci guardiamo 
si va bene ci vogliamo bene 
ma come tutti ci isoliamo 
ci deve essere per forza un'altra soluzione.
 
Forse la comune
non ha senso la famiglia coniugale 
ho bisogno di trovare un'apertura 
a una vita troppo chiusa troppo uguale.
 
Forse la comune
dove ognuno può portare le sue esperienze 
un po' stretti qualche volta in poche stanze 
ogni tanto qualche piccola tensione
 
Qualcheduno m'ha svegliato 
e adesso non riesco più a dormire 
chi s'è bevuto il mio caffè 
chi s'è messo ancora il mio costume
 
Tento la comune
specialmente per i figli uno spazio nuovo 
per ognuno tante madri e tanti padri 
voglio dire senza madri e senza padri
 
Tento la comune
non esiste proprio più niente che sia possesso 
ed è molto più normale volersi bene 
finalmente non è più un problema nemmeno il sesso
 
Da te non me l'aspettavo 
ti credevo una ragazza sana 
e pensare che ti stimavo 
ti comporti come una puttana
 
Amo la comune
la tua donna preferisce un altro ma è naturale 
non fa niente se si ingrossa la tensione 
poi l'angoscia poi la rabbia più bestiale

Amo la comune
senza più nessun ritegno si arriva ad odiarsi 
e alla fine quando esplode la tensione 
come bestie come cani ci si sbrana a morsi
 
Si ci odiamo ci ammazziamo 
si ci sbraniamo per il caffè 
chissà cosa c'è sotto a quel caffè
c'è l'odio l'invidia la gelosia
 
c'è la solita merda che ritorna fuori 
e allora ci ammazziamo si ci sbraniamo 
meglio la comune meglio la comune 
meglio la comune
 
Meglio la comune che dirci: 
Buon giorno cara hai dormito bene? 
te l'avevo detto che il Perequil funziona 
ah, 'sta sera vengono a cena i Cottinelli 
mi fa piacere! 
si, grazie, ancora un po' di caffè

 

Dall'album Far Finta Di Essere Sani - tracce:

 

Far Finta Di Essere Sani 1973/1974 

PRIMO TEMPO

  1. Introduzione
  2. Far Finta Di Essere Sani
  3. La Natura
  4. Cerco Un Gesto Naturale
  5. La Famiglia (prosa)
  6. La Comune
  7. Algebra
  8. Lo Shampoo
  9. Le Palline (prosa)
  10. Il Dente Della Conoscenza
  11. L'impotenza
  12. E' Sabato
  13. Il Narciso
  14. La Dentiera
  15. Dall'Altra Parte del Cancello

 

SECONDO TEMPO

  1. Le Marcie Dei Colitici
  2. Le Caselle (prosa)
  3. Un'Emozione
  4. Un'Idea (1973/1974)
  5. Oh Mama!
  6. L'Elastico
  7. Gli Omini (prosa)
  8. La Presa Del Potere (1973/1974)
  9. Quello Che Perde i Pezzi
  10. E Giuseppe? (prosa)
  11. Chiedo Scusa Se Parlo Di Maria
  12. Il Muro (prosa)
  13. La Libertà
  14. La Nave
  15. Finale (prosa)
  16. Al Bar Casablanca (bis)

 

Joomla SEF URLs by Artio

CONTATTI:

Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano (mappa)

Tel: 02 202334

Email: info@giorgiogaber.it

LINKS:

You Tube Facebook

My Space Twitter

SEZIONI:

Harari

Copyright 2015 - Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano

Sviluppo web - sviluppo sito web

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta